Impariamo a scoprire noi stessi attraverso le nostre passioni
Palestre di Successo

Impariamo a scoprire noi stessi attraverso le nostre passioni

donatella carafa 2

In questo momento la vita quotidiana è cambiata per tutti, ad alcuni più di altri. Da professionista nel settore fitness, mi sento di dover comunicare alle persone, perché credo fortemente che il nostro ruolo sia allenare il corpo e la mente.

Sui social ormai da tempo è virale l’hashtag Andrà tutto bene, io in questa frase ci credo tanto e continuerò a dirlo, a scriverlo dove posso, dobbiamo crederci tutti e adoperarci affinchè le cose vadano bene. Dobbiamo rispettare questo momento e le misure cautelative che si porta dietro, ma dobbiamo approfittare di questo periodo per riscoprirci e pensare alla nostra vita, agli affetti, al lavoro, a noi stessi e alle nostre passioni. Non siamo fermi, siamo sicuramente molto più vicini e attivi per noi stessi ed è da qui che dobbiamo ripartire.

Cosa fare?

Coltiviamo i nostri hobby, le nostre passioni, dedichiamoci tempo, il tempo che non abbiamo mai a disposizione.

Io ad esempio, ho una grande passione per la lettura e in questi giorni ho sicuramente più tempo a disposizione per coltivare questa mia passione e sto leggendo tantissimo. Tra le tante letture ho memorizzato una frase che mi ha colpito particolarmente e che mi piace ricordare:

“Voglio vivere nel tempo teorico dei bambini, dove tutto il passato da ieri all’indietro, è l’anno scorso e tutto il futuro, è quando sarò grande”

Quando terminerà la quarantena io vorrò vivere così, con il tempo teorico dei bambini, perché ho desiderio di crescere ancora e accrescere il mio sapere, la mia curiosità.

Mi sento di rivolgere un pensiero a tutte le categorie di lavoratori, che devono in questo periodo continuare a lavorare perché hanno responsabilità facendo parte dei servizi primari e hanno doveri a cui assolvere perché devono dare assistenza. Io lavoro all’interno di una base militare e continuo con tutte le precauzioni a lavorare, dando in qualche modo ancora un senso di normalità alla quotidianità. I militari devono allenarsi ed è per loro essenziale, quindi il mio lavoro con la base non si è fermato e mi sento onorata a continuare a lavorare in questo momento per dare il mio servizio alla comunità, quando me l’hanno chiesto non ho esitato.

Iscriviti alla Newsletter